lunedì 8 ottobre 2012

Recensione - Una casa perfetta

Cari Lettori,
ecco la recensione del giorno!

UNA CASA PERFETTA
BEN H. WINTERS
TRE60
278 PAGINE
9.90 €
RILEGATO



Trama
(dalla cover)

Susan e Alex non hanno dubbi: è la casa perfetta. In quel quartiere e a quel prezzo, non potrebbero trovare di meglio. E c'è persino una stanzetta in più non segnalata nell'annuncio -, ideale per le esigenze di Susan, che ha deciso di lasciare il lavoro per dedicarsi a tempo pieno alla figlia, la piccola Emma, e alla sua grande passione, la pittura. Inoltre la signora Scharfstein, la padrona di casa che abita al pianoterra, sembra proprio una simpatica e disponibile vecchietta. Ma, ben presto cominciano ad accadere cose strane, che turbano la quiete domestica: nel suo studio, Susan sente un odore sgradevole, che nessun altro percepisce. Poi, una mattina, nota che la federa del suo cuscino è sporca di sangue e che il suo corpo è costellato da quelli che sembrano i morsi di qualche insetto. Tuttavia né la figlia né il marito hanno quei segni. Per non correre rischi, Susan chiama una ditta di disinfestazione, che però non trova nulla. Sembra una follia, eppure lei è convinta che la casa brulichi d'insetti: sono lì, annidati da qualche parte, non ce altra spiegazione. Mentre la signora Scharfstein diventa sempre più invadente e il marito preoccupato, Susan capisce di dover dimostrare a tutti che non è paranoica. Altrimenti potrebbe rischiare di perdere non soltanto quell'appartamento, ma anche la sua famiglia. Un thriller in cui il labile confine tra realtà e immaginazione diventa un luogo oscuro e molto pericoloso...

Commento Personale

Avete presente quella situazione in cui anche se sapete che proverete paura, che molto probabilmente terrete la luce accesa per tutta la notte e che non riuscirete a chiudere occhio su per giù per una settimana buona saltando a ogni piccolo rumore, decidete lo stesso di guardare il film horror? E anzi, vi sfidate a tenere gli occhi aperti anche durante le scene più paurose? Ecco  precisamente quella sensazione, quella voglia di provare, di mettersi difronte alle proprie paure e di superarle è in gran parte responsabile della decisione di leggere questo romanzo. Se fosse sfuggito il senso di questa premessa, lo scrivo chiaro e tondo: io ho il terrore degli insetti. Di ogni specie di insetto. Mi fanno letteralmente ribrezzo, oltre che
paura. Ci ho pensato molto prima di decidere di avventurarmi tra le pagine, ma alla fine posso dire di esserne uscita almeno un po' meno paurosa di prima. Ok, lo confesso: ho dato anche io una sbirciatina al mio letto e al mio spazzolino...tanto per essere sicure. Cosa pretendevate, che leggessi un romanzo sulle infestazioni di insetti e non facessi neanche una piega? Sappiate che è impossibile, con questo romanzo almeno. Perchè anche il più sicuro e spavaldo lettore andrà incontro a un grande ostacolo durante la storia di Susan e Alex: il dubbio. Insistente, martellante, pressante, onnipresente. E anche voi alla fine non potrete fare a meno di chiedervi se una cosa del genere sia possibile nella realtà.
Una casa perfetta è un horror che - almeno con me- ha raggiunto pienamente il suo obiettivo, inchiodandomi alla lettura in diverse parti e angosciandomi esattamente nei momenti opportuni. Cosa chiedere di più da un romanzo di questo genere? 

Coinvolgimento

Ottimo. Il romanzo parte in sordina, quasi si ha l'impressione di essere incappati in un altro tipo di libro, ma con il proseguire l'atmosfera cambia- dapprima quasi impercettibilmente, poi in maniera sempre più evidente- e in modo ineluttabile si giunge a scoprire tutto l'orrore della realtà. L'autore ha mantenuto un'eccellente tensione narrativa per tutto il romanzo che non può che spingere alla lettura fino alla fine, fino al finale. E' stato altresì bravissimo nel delineare una struttura a spirale, ideale per questi romanzi in cui si giunge al culmine proprio sul finale.Vi assicuro che non staccherete gli occhi dalle pagine! 5/5

Stile

Scorrevole, fluido. Ben delineato in relazione al genere. Non si perde in elaborate descrizioni, ma risulta dettagliato nei punti giusti. A tratti venato di una leggera ironia, a tratti davvero terrificante, lo stile di Ben Winters si adatta perfettamente alla scena descritta rendendo ancora più vivida la partecipazione del lettore. 5/5

Personaggi

L'autore è riuscito a creare una storia sorprendente, ben costruita e solida da un punto di vista narrativo, con l'uso di pochi personaggi. Personalmente adoro quando questo accade. I due protagonisti principali sono Susan e Alex una coppia affiatata e innamorata ma che la vicenda di Una casa perfetta metterà a dura prova, in ogni eccezione del termine. Durante la narrazione compaiono inoltre alcuni altri personaggi secondari. Tutti, in ogni caso, sono ben caratterizzati e analizzati. Sopratutto Susan è un personaggio che mi ha colpito particolarmente. Ho apprezzato la parabola che l'autore le ha voluto dedicare e la sua caratterizzazione che ho trovato ben condotta. 5/5

Vicenda

Semplice e terrificante nella sua linearità. Ho apprezzato il tocco di paranormale che l'autore ha voluto inserire. Due sono gli elementi caratterizzanti che mi sono piaciuti: il dubbio e il ribrezzo. Il dubbio costante e sempre presente, dall'inizio alla fine del romanzo, se quello che sta accadendo sia vero o no. Fino alla fine si rimane con questa domanda che aleggia persistente nella mente del lettore. L'altro elemento è il ribrezzo puro che io ho provato leggendo questo romanzo, per gli insetti e per alcune scene in cui non ci sono risparmiati i particolari dall'autore. Entrambi gli elementi sono sapientemente mescolati tra di loro e all'interno della vicenda principale dei due protagonisti.
La storia si articola e procede  in un crescendo di emozioni, perplessità e domande fino ad arrivare a uno sconvolgente finale, in cui il vero si mescolerà al falso, il sano al malato e viceversa. In conclusione quindi, un romanzo che merita di essere letto, vissuto e  che in cambio saprà regalarvi ore di puro terrore!

(Cover:Identica all'originale se non per un tocco di "classe": le macchie di sangue sul cuscino!  4/5)

Consigliato? SI, consigliato agli amanti dell'horror e a chi vuole leggere qualcosa a cui penserà per molto tempo, anche dopo aver richiuso il libro.

Giudizio: 5/5



8 commenti:

  1. Wow, ma allora fa veramente paura? Ma che dici, anche chi non è particolarmente impressionato dagli insetti può trovarlo inquietante? Perché mi piacciono molto i libri incisivi e horror, ma avevo il dubbio che questo fosse un po' troppo leggero per le mie corde...

    RispondiElimina
  2. Secondo me si, potrebbe piacerti. Alcune scene sono davvero horror style...sopratutto il finale... :D

    RispondiElimina
  3. Morna, ho fatto la mia recensione a questo libro proprio ieri e anche a me è piaciuto tantissimo, se ti va di passare a leggerla, mi fa piacere :)

    RispondiElimina
  4. Alessia, con molto piacere! :D

    RispondiElimina
  5. LO voglioo!!mi aveva già attirato all'anteprima, ora sono sicurissima!
    Complimenti per la recensione!!

    RispondiElimina
  6. Bellissima recensione!! :D Io l'ho cominciato oggi e sono già arrivato alla metà quasi perchè è veramente un libro che prende!! :D
    A presto!
    PS: Anch'io ho un blog che parla di libri! Ti lascio il link: http://libri-ehr.blogspot.it/

    RispondiElimina
  7. Grazie mille Ehrnaider :) Torna presto da queste parti, passo con molto piacere dal tuo blog ;)

    RispondiElimina

Grazie per aver lasciato un tuo commento!!!